''
Destinazione
Scegli dove andare
Numero giorni
Tipologia viaggio
Testo

Migliora la tua ricerca
Scopri Tour e Villaggi

                                                                Non c'è uomo più completo di colui che ha viaggiato, che ha cambiato venti volte la forma del suo pensiero e della sua vita
                                                                                                                                            (Alfonse de Lamartine)

Valutazione: 

l
0
 
Il tuo carrello è vuoto
0
Descrizione
 
Gallery
 
Commenti
 
Contatti
 

Situato ad anfiteatro su tre colline dei monti Erei, Caltagirone è stato abitato sin dal periodo preistorico per la sua posizione strategica di controllo della piana di Gela e quella di Catania. Con l'emergere dell'artigianato della ceramica, emerge nel periodo svevo per il suo ruolo di centro commerciale.

Danneggiato gravemente dal terribile terremoto del 1693, la cittadina viene riedificata con l'attuale volto barocco.

Attualmente la città offre il suo ricco volto in un armonioso connubio tra arte barocca ed artigianato, quest'ultimo sempre presente nella realizzazione di vasi decorativi, alzate delle scalinate, muri, icone, campanili.

Cosa vedere a Caltagirone:

  • la Scala di Santa Maria, con 142 gradini in pietra lavica e con le alzate arricchite da maioliche decorate che ripropongono la storia della ceramica calatina. La scala di S. Maria del Monte unisce, con un dislivello di 50 metri, il piano di S. Giuliano con la parte alta della città, dove si trova la chiesa di S. Maria del Monte, ex chiesa matrice di presunte origini normanne
  • Il Giardino pubblicouno dei più interessanti giardini di Sicilia, non solo per la cura del suo verde, ma perché custodisce anche alcune opere di ceramica nonchè un grazioso gazebo in stile liberty
  • il Museo dei Cappuccinicollocato sopra la Chiesa nell'ex coro dei frati, ospita preziose argenterie sei-settecentesche, statuette in alabastro, legno e cera dal XII secolo in poi, raffinatissimi paramenti sacri in broccato, damasco con fini ricami in seta, argento e oro del XVI, XVII, XVIII secolo.
  • Il Museo regionale della Ceramica, espone una vasta raccolta di ceramiche, circa 2.500 reperti, che forniscono al visitatore un'ampia visione della storia dell'arte ceramica dal IV millennio a.C. all'età contemporanea. 
  • la Basilica di S. Giacomo, con opere dei Gagini
  • le chiese di S. Domenico e del SS. Salvatore, l'una di fronte all'altra, anch'esse con pregiate opere del Gagini;
  • il convento di S. Francesco d'Assisi, di originaria struttura gotica e ricostruito in stile barocco
  • il Duomo, di origine normanna;
  • la Corte capitaniale, lungo edificio ad un piano del XVI secolo.

.

Nessun risultato