''
Destinazione
Scegli dove andare
Numero giorni
Tipologia viaggio
Testo

Migliora la tua ricerca
Scopri Tour e Villaggi

                                                                Non c'è uomo più completo di colui che ha viaggiato, che ha cambiato venti volte la forma del suo pensiero e della sua vita
                                                                                                                                            (Alfonse de Lamartine)

Valutazione: 

l
0
 
Il tuo carrello è vuoto
0
Descrizione
 
Gallery
 
Commenti
 
Contatti
 

Situato su una collina sopra la valle del fiume Anapo, ricostruito dopo il terremoto del 1693 con impronta barocca, Buscemi non ha spezzato l'antico legame con il passato, grazie alla realizzazione di un itinerario etno-antropologico nel centro abitato, che gli ha conferito l'immagine di paese-museo. 

Da visitare:

  • Il museo-itinerante, nasce dall'intenzione di riprodurre autentiche strutture abitative e di lavoro, rendendole "museo" nello stesso luogo in cui si trovavano. L'itinerario ha inizio con la visita alla bottega del fabbro, la putia ro firraru, situata in una grotta artificiale, proseguendo con il palmento, u parmientu.Vicino, oltre alla barocca chiesa di S. Antonio di Padova, vi è la casa del massaro, ro massaru, caratteristico esempio di realtà abitativa del ceto medio della classe contadina. Risalendo corso Vittorio Emanuele si incontra le chiese di S. Sebastiano, di S. Giacomo e dello Spirito Santo.
  • la Chiesa Madre, immette in uno degli angoli più suggestivi del paese, il quartiere abitato in passato dai contadini, dalle tipiche costruzioni a monolocale. E' proprio in questo quartiere che si trova la casa del bracciante, ro iurnataru, dove, nello spazio di 12 mq vivevano sei persone. Nel cortile sottostante, si trova la tradizionale bottega del falegname, putia ro falignami. Scendendo attraverso viuzze e piccole case si arriva al frantoio, u trappitu.L'itinerario termina con la visita alla bottega del calzolaio, putia ro scarparu, e, nello stesso locale con i pochi attrezzi di lavoro del conciabbrocche, r'appuntapiatti, e alcuni oggetti riparati dallo stesso.
  • chiesa del Carmine, il cui impianto custodisce una scultura gaginesca dell'Annunciazione.

Nessun risultato