https://www.antichisentieri.it:443/index.php?id=1553&t=products
Bari

Capoluogo della Puglia, Bari è divisa tra la parte vecchia, abbracciata dall'Adriatico e protetta da strutture difensive, e la città nuova. sviluppatasi nell'800 e sino ai tempi più recenti verso l'entroterra. 

La città vecchia è la parte più antica e più carica di memoria storica. E' un incrocio di strade, stradine e vicoli che esaltano un valore ambientale molto caratterizzato. 

Il tessuto edilizio è protetto dal mare da una antica muraglia fortificata.

Bari vecchia è tutta racchiusa su una penisola leggermente sopraelevata - tanto da essere assimilata ad un promontorio - è dotata di un ansa sul mare in grado di favorire attracco e relativa protezione ai natanti.

DA VISITARE

  • PIAZZA FERRARESE, oggi sede di un mercato rionale che si apre sul sito di una delle porte di accesso alla città medioevale. A sinistra si riconosce l'abside, di chiaro sapore romanico, della chiesa della Vallisa, di fondazione mediovele ma ampiamente restaurata.
  • PIAZZA MERCANTILE, che fosse il centro politico della città medioevale, lo ricordano gli edifici appartenenti ad antiche famiglie baresi, e il Palazzo del Sedile dei Nobili, tra il 600 e 800 sede del consiglio cittadino
  • LA MURAGLIA, è il segno più evidente della fortificazione di Bari.
  • FORTINO DI SANT'ANTONIO ABATE, che caratterizza uno degli speroni sul fianco est del promontorio.
  • BASILICA DI SAN NICOLA, esempio tra i più importanti di architettura romanica pugliese. La facciata, è tripartita da lesene, coronata dal tipico motivo romanico degli archetti e aperti in alto da monofore, bifore e da una finestra circolare.
  • CATTEDRALE, secondo monumento romanico della Città Vecchia. Già la facciata mostra la compresenza di elementi secenteschi e medioevali: la decorazione barocca dei portali convive con il gusto rmanico delle lesene e del rosone, la cui ghiera è affollata di esseri fantastici e mostri.
  • CASTELLO, la fortificazione tra le più importanti non solo di Bari ma della Puglia intera, si colloca nel novero dei complessi voluti da Federico II per rafforzare l'immagine del potere imperiale.