https://www.antichisentieri.it:443/index.php?id=1369&t=products
Ducea di Nelson

Detto anche "Castello", la Ducea di Nelson nasce come abbazia benedettina nello stesso luogo dove il generale greco Maniace con un corpo di spedizione bizantino ed aiuti normanni sconfisse nel 1040 i saraceni guidati dall'emiro Abd Allâh.

Durante la reggenza della regina Margherita, vedova di Guglielmo I, Re normanno di Sicilia, vennero insediati monaci benedettini e molto probabilmente l'abbazia venne ricostruita così come la vediamo parzialmente oggi.

Nel 1693, a seguito di un terremoto che distrusse l'abside di cui si sono ritrovati recentemente i resti, i monaci dovettero trasferirsi a Bronte.

Cento anni dopo, territorio annesso all'abbazia e antico fabbricato vennero concessi da Ferdinando IV di Borbone, Re di Napoli e Sicilia, all'ammiraglio inglese Orazio Nelson, con l'intento di ricompensarlo per l'aiuto prestatogli durante l'occupazione del regno di Napoli da parte di Napoleone Bonaparte.

I discendenti che la abitarono fino al 1981, data di acquisizione da parte del comune di Bronte, la trasformarono in una sontuosa dimora signorile, con un giardino di piante, anche esotiche.

Nella sua semplicità e maestosità la Ducea comprende al suo interno, oltre al già nominato giardino, un piccolo cimitero inglese, una chiesetta, esempio di architettura tardo-normanna, uno stupendo portale in marmo, mentre, all'interno della dimora, oltre ai soffitti in legno di epoca normanna, anche un polittico di scuola siciliana del XIII secolo nonché un'interessante tavola bizantina raffigurante la Madonna col Bambino.